attaccamento evitante

Le persone con uno stile di attaccamento insicuro, come l’attaccamento evitante, ansioso e disorganizzato, sono più propense ad auto sabotarsi e ad auto sabotare le loro relazioni.

Lo stile di attaccamento evitante tende ad auto sabotarsi nelle relazioni per non soffrire e per non provare le stesse emozioni negative che ha sperimentato in passato con il suo caregiver.

Lo stile di attaccamento evitante si basa su un’idea positiva di sé e negativa degli altri. Questo perché le persone con questo stile di attaccamento tendono a pensare che gli altri non siano affidabili o che non saranno disponibili per loro nel momento del bisogno.

Come per l’appunto ha sperimentato nell’infanzia. Sono infatti adulti che da bambini non hanno ricevuto le adeguate risposte da parte dei genitori che li hanno respinti o hanno invaso il loro spazio. Questo li ha portati a mettere una protezione tra e sé e gli altri e a dipendere solo da sé stessi per non venire delusi.

Queste aspettative li portano a provare ansia e paura dell’intimità e la vulnerabilità. Entrare in queste situazioni più fragili significa per loro un pericolo e una possibilità di venire respinti o invasi dall’altra persona. Per questo motivo attueranno dei comportamenti per evitare queste situazioni.

Comportamenti di auto sabotaggio dello stile di attaccamento evitante nelle relazioni

  1. Spinta all’indipendenza: tendono a dirsi di non avere bisogno di nessuno. Per evitare l’intimità emotiva scelgo relazioni superficiali o rifiuto ogni tipo di relazione.
  2. Evitano le situazioni relazionali in cui potrebbero essere vulnerabili come conflitti o conversazioni più intime. In questo modo possono proteggersi dalla delusione o dal rifiuto che si aspettano di ricevere.
  3. Difficoltà nella comunicazione: difficoltà ad esprimere o a gestire le emozioni. Tendono a minimizzare o ignorare le emozioni spiacevoli che provano e per questo a non comunicarle al partner.
  4. Investimento: tendono ad investire molte attenzioni e molte energie sul lavoro, studio, sport piuttosto che sulla relazione, evitando così di dover entrare in intimità con l’altro.

Bibliografia

Slade R. (2019). Relationship sabotage in adults with low self-esteem from attachment trauma in chilhood, Bringham Young University. Available at: https://scholarsarchive.byu.edu/cgi/viewcontent.cgi?article=1010&context=familyperspectives

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *